Indici Sintetici di Affidabilità
Panoramica

Gli Indici Sintetici di Affidabilità (ISA) sono un punteggio algoritmico di affidabilità fiscale.

Con l’istituzione degli ISA, l’Agenzia delle Entrate vuole favorire l’assolvimento degli obblighi tributari e incentivare l’emersione spontanea di redditi imponibili, quindi combattere l’evasione fiscale.

Nel dettaglio, gli indici sono indicatori che, misurando attraverso un metodo statistico-economico dati e informazioni relativi a più periodi d’imposta, forniscono una sintesi di valori tramite la quale sarà possibile verificare la normalità e la coerenza della gestione professionale o aziendale dei contribuenti.

Il riscontro trasparente della correttezza dei comportamenti fiscali consentirà di individuare i contribuenti che, risultando “affidabili”, avranno accesso a significativi benefici premiali.

ALTRE INFORMAZIONI

Sistema Automatizzato: ISA

Stakeholder: Agenzia delle Entrate, intermediari

Introduzione: 2017

Finalità: valutazione del livello di affidabilità fiscale

Gli ISA si basano sul trattamento di due categorie di dati: i dati del periodo di imposta di riferimento, di competenza del contribuente, e i dati relativi agli esercizi precedenti, della cui elaborazione si occupa direttamente l’Agenzia delle Entrate. Questi dati sono tecnicamente chiamati “ulteriori dati” o “precalcolate ISA”, e coprono un arco di tempo da 1 a 8 esercizi precedenti. Gli ulteriori dati sono acquisiti attraverso modelli dichiarativi e banche dati.

I dati ulteriori sono messi a disposizione di intermediari e contribuenti attraverso un software specifico.

La posizione ISA è definita sulla base dei seguenti elementi identificativi:

  • Codice fiscale
  • Codice ISA
  • Tipologia di reddito

Sulla base dei dati degli studi di settore, dei parametri e degli ISA presentati dal contribuente, l’Agenzia delle Entrate è poi in grado di elaborare delle posizioni ISA complete.